Un giorno nella vita di Ada, Paucarcolla (Per˙)

[16/9/2020]

Ada ha 11 anni e vive a Collana I, nel quartiere Paucarcolla di Puno, in Perù. Frequenta la prima media, anche se, come il resto dei suoi compagni di classe e milioni di bambini nel mondo, ha dovuto abbandonare le lezioni in presenza a causa del Covid-19.
 
La pandemia ha purtroppo cambiato la quotidianità di milioni di bambini nel mondo, anche quella di Ada Mariela. Nella sua comunità isolata di Paucarcolla, i social network e le piattaforme digitali fanno da padroni affinché i bambini senza risorse possano continuare comunque a studiare anche da casa. Ada e la sua famiglia stanno avendo molte difficoltà a causa del coronavirus. “Mio padre lavorava nell'edilizia. Con quello che guadagnava compravamo carne, pollo, manzo, agnello e le pietanze erano più ricche. Adesso che non c'è lavoro e dobbiamo mangiare quello che c'è ”.
La dolce Ada lascia un messaggio al mondo intero affinchè tutte le persone abbiano pazienza e si prendano cura di se stessi. 
 
GUARDA IL VIDEO

https://youtu.be/u2MkDrkyD0I
________________________________________________________________________
"La mia famiglia è composta dal mio papà Wilber, mia mamma Marleny e i miei due fratelli, Erikson di 22 anni e Johan di 19. Qualche settimana fa i miei cugini sono venuti a vivere con noi. Ci aiutano con i compiti e giocano con me”.
 
"La mattina mi alzo alle 6 e aiuto mamma a preparare la colazione e do da mangiare a tutti i nostri animali, un maiale e sei pecore, solo allora mi siedo a fare colazione con la mia famiglia ".
 
"Mi sono iscritto al corso Imparo a casa, un programma del Ministero dell'Istruzione. Lo faccio tramite Facebook e WhatsApp dove  il mio insegnante mi invia il materiale. Le lezioni sono dalle 10:00 alle 16:30 tramite la radio”.
 
"Faccio i compiti e una volta terminati li invio al mio maestro tramite le foto che scatto con un cellulare. Ma è difficile per me e la mia famiglia avere accesso a Internet poiché nella comunità in cui viviamo non c'è molta copertura di rete."

 
"A mezzogiorno aiuto a preparare il pranzo, che ultimamente è molto scarno. Quando finiamo di mangiare i ci dividiamo in due squadre e facciamo una partita di pallavolo. La sera ci incontriamo per l'ultimo pasto della giornata , ci sediamo a cena e poi andiamo tutti a dormire".
 
"Questa pandemia ci ha duramente colpito i miei genitori non hanno ancora ricevuto alcun bonus di solidarietà. Non sanno più dove trovare le risorse per andare avanti. Le persone nella mia comunità vendono il loro bestiame. Abbiamo già ricevuto due allarmi di focolari a Paucarcolla ed è per questo motivo che chiedo al mondo di prendersi cura sé stessi".